Site icon Fortebraccio News

Guerra in Ucraina: la Russia lancia i più grandi droni kamikaze

Guerra in Ucraina

Guerra in Ucraina

Le sirene dei raid hanno suonato in tutta l’Ucraina dopo che la Russia ha lanciato una nuova ondata di attacchi con droni e missili. La guerra in Ucraina non è ancora finita.

L’attacco della Russia all’Ucraina

Esplosioni sono state udite durante la notte nella capitale, Kiev. Il sindaco ha detto che finora cinque persone sono rimaste ferite nel “più grande” attacco di droni kamikaze.

Una persona è stata uccisa nell’attacco alla regione meridionale di Odessa. La Croce Rossa ucraina afferma che il suo magazzino è stato colpito.

Questo segna il quarto attacco in otto giorni a Kiev e arriva appena 24 ore prima che la Russia celebri il Giorno della Vittoria.

La festa annuale commemora la vittoria dell’Unione Sovietica sulla Germania nazista durante la seconda guerra mondiale. Un conflitto con il quale il Cremlino ha cercato infondatamente di tracciare parallelismi da quando ha lanciato la sua invasione dell’Ucraina lo scorso anno.

Dopo una pausa negli attacchi russi contro obiettivi civili negli ultimi mesi, che ha visto Kyiv passare giorni senza attacchi, Mosca ha intensificato i suoi raid aerei nell’ultima settimana in vista di una controffensiva ucraina ampiamente attesa.

L’esercito ucraino ha affermato che gli ultimi raid russi – che sono durati più di quattro ore e sono stati lanciati poco dopo la mezzanotte – hanno visto droni kamikaze Shahed di fabbricazione iraniana sciamare in tutto il paese.

Il sindaco di Kiev Vitaliy Klitschko ha detto che quasi 60 droni sono stati lanciati dalla Russia. Lo stesso ha poi descritto l’accaduto come il “più grande” attacco di questo tipo finora.

Ha aggiunto che tutti i 36 droni sono stati distrutti su Kiev, ma cinque persone sono rimaste ferite dalla caduta di detriti dai droni abbattuti.

La BBC non è stata in grado di verificare questi numeri.

Guerra in Ucraina: i morti, i feriti e i detriti dei droni kamikaze

I servizi di emergenza per la guerra in Ucraina hanno risposto dopo che il relitto di un drone è caduto su una pista dell’aeroporto internazionale di Zhuliany, uno dei due aeroporti commerciali della città, ha detto l’amministrazione militare di Kiev.

E i civili sono rimasti feriti dopo che i detriti dei droni hanno colpito un edificio residenziale nel distretto centrale di Shevchenkivskyi, ha aggiunto l’amministrazione.

Altrove, nella città portuale di Odessa, sul Mar Nero, un magazzino è stato dato alle fiamme. Questo è accaduto dopo che otto missili sono stati lanciati contro obiettivi da bombardieri russi, hanno detto funzionari ucraini.

In una dichiarazione, la Croce Rossa ucraina ha affermato che il suo magazzino è stato distrutto e tutte le consegne di aiuti sono state sospese.

Natalia Humeniuk, portavoce del comando meridionale dell’Ucraina, in seguito ha affermato che il corpo di un uomo – una guardia di sicurezza – è stato estratto dalle macerie.

In un aggiornamento quotidiano, il comando dell’esercito ucraino ha affermato che c’è stata anche un’ondata di attacchi missilistici sulle regioni di Kherson, Kharkiv e Mykolaiv.

Almeno otto persone – tra cui un bambino – sono rimaste ferite in due villaggi nella regione meridionale di Kherson, hanno detto funzionari locali.

A Zaporizhzhia, il capo dell’amministrazione installata russa, Vladimir Rogov, ha detto che le forze russe hanno colpito un magazzino e una postazione di truppe ucraine nella piccola città di Orikhiv.

Sul fronte orientale, il comandante delle forze ucraine nella città orientale assediata di Bakhmut ha detto che le truppe russe hanno intensificato i bombardamenti, nel tentativo di conquistare la città entro le celebrazioni di martedì.

Truppe e combattenti russi del Wagner Group, una compagnia militare privata, hanno cercato per mesi di catturare Bakhmut, nonostante il suo discutibile valore strategico.

Durante il fine settimana, il fondatore di Wagner, Yevgeny Prigozhin, ha minacciato di ritirarsi dalla città. Questo è accaduto dopo che la promessa di nuove forniture di munizioni dal ministero della Difesa di Mosca.

Nel frattempo, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato che il 9 maggio sarà d’ora in poi celebrato come la Festa dell’Europa, in linea con l’Unione Europea. La mossa – che necessita dell’approvazione parlamentare – è vista come un pungente rimprovero alla Russia.

Il signor Zelensky ha detto di aver firmato un decreto che il giorno avrebbe commemorato l’unità europea e la sconfitta del “russcismo” – un termine che è una scorciatoia per “fascismo russo”.

Ha anche affermato che l’8 maggio sarà ora ufficialmente un Giorno della Memoria e della Vittoria, come celebrato in molti paesi del mondo.

Exit mobile version