Fine di un’epoca: i panda di Edimburgo tornano in Cina!

Panda

La storica città di Edimburgo in Scozia, un luogo ricco di storia e di tradizioni, sta per perdere due delle sue celebrità più amate, i panda giganti Sweetie e Sunshine. Dopo più di dieci anni trascorsi nello zoo di Edimburgo, questi adorabili e affettuosi giganti pelosi torneranno presto alla loro patria originale, la Cina. Questa notizia ha scosso profondamente la comunità edimburghese e gli amanti degli animali di tutto il mondo.

Il ritorno di Sweetie e Sunshine non è un caso isolato. Negli Stati Uniti, poco tempo fa, anche i panda ospitati nello zoo di Washington sono stati rimpatriati in Cina, segnando una tendenza che sta diventando sempre più comune in molti paesi occidentali. Questo fenomeno ha suscitato diverse speculazioni riguardo alle possibili motivazioni politiche dietro alla mancata proroga dei contratti di prestito, ma la Royal Zoological Society of Scotland, l’ente che gestisce lo zoo, ha voluto chiarire che la decisione è legata esclusivamente alla scadenza del contratto e non a questioni politiche.

I contratti di prestito dei panda giganti sono unici nel loro genere: gli zoo che li ospitano si impegnano a prendersi cura di questi animali per un periodo determinato, pagando cifre considerevoli ogni anno, ma la proprietà dei panda rimane sempre della Cina. Nel caso di Sweetie e Sunshine, il contratto di prestito era stato firmato nel 2011 per una durata di dieci anni e prevedeva un costo annuale di 790mila sterline (oltre 900mila euro). A causa della pandemia, il contratto era stato prorogato di due anni.

L’arrivo di questi due panda giganti nel Regno Unito nel 2011 aveva suscitato un enorme interesse e curiosità. Erano gli unici panda presenti nel paese e ben presto erano diventati tra gli animali più amati e visitati dello zoo di Edimburgo. I loro nomi originali, Tian Tian e Yang Guang, erano stati presto sostituiti affettuosamente con i nomignoli di Sweetie e Sunshine. Durante il loro soggiorno, questi simpatici panda erano diventati vere e proprie icone, oggetto di frequenti articoli sui tabloid, protagonisti di animazioni per bambini e di una vasta gamma di gadget.

Nonostante gli sforzi compiuti per favorire la loro riproduzione, inclusi otto tentativi di inseminazione artificiale e l’allestimento di un “tunnel dell’amore” per stimolare l’accoppiamento naturale, Sweetie e Sunshine non sono mai riusciti a dare alla luce cuccioli. Le gravidanze mancate e la limitata finestra di fertilità di questi panda hanno reso ancora più difficili le operazioni volte alla loro riproduzione.

Ora, con il loro imminente ritorno in Cina, lo zoo di Edimburgo si prepara ad affrontare l’addio a questi adorati giganti. Questo momento segna la fine di un’era per lo zoo e per tutti coloro che hanno avuto la fortuna di visitarlo, ma allo stesso tempo apre la strada all’accoglienza di nuove specie a rischio, in linea con la missione di proteggere gli animali in pericolo in tutto il mondo.

I panda giganti sono un vero e proprio simbolo nazionale della Cina e sono tra gli animali selvatici più riconosciuti a livello globale.